Slideshow

luglio 24, 2010

Tanto per gradire, butto qua sopra (come esperimento wordpressiano) in slideshow un po’ di foto appena fatte in un assalto di noja. L’attuale situazione del mio soprascrivania e del mio sottoscrivania.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Detto questo, vi segnalo il canale youtube di palealvento. Assieme ad Ippaso abbiamo messo su un po’ di video bellissimi.

Questo è quello che ci rende più fieri:


Non si muove una foglia

marzo 29, 2010

Prendere i dati delle ultime elezioni regionali e spostate i voti in base a come si sono spostati i grandi politicanti campani… come se stesse giocando a risiko o a qualcosa del genere… e sorpresa!

Elezioni 2005:

Candidati e coalizioni Voti % Partiti Voti % Seggi Seggi Coal.
Italo Bocchino
Casa della libertà
1057523 34.4 FORZA ITALIA
AN
UDC
NUOVO PSI
PRI
PART.PENS.
MOV.IDEA SOC. RAUTI
343348
305152
193391
83491
25308
10272
2229
11.9
10.6
6.7
2.9
0.9
0.3
0.1
8
7
4
2
0
0
0
Totale coalizione 21 21
Antonio Bassolino
L’Unione
1896664 61.6 MARGHERITA
DS
UDEUR
SDI
RIF.COM.
VERDI
PDCI
ITALIA VAL. – CONS.
REPUBBLICANI
DEMOCR.FEDERALISTA
REPUBBLICANI EUROPEI
GOVERNO CIVICO
458566
439271
295418
154255
118084
100193
76820
67727
40897
28119

25062
15852

16.0
15.3
10.3
5.4
4.1
3.5
2.7
2.4
1.4
1.0

0.9
0.5

9
8
5
3
2
2
1
1
1
0

0
0

7
Totale coalizione 32 39
Giovanni Rotondi
Democrazia cristiana
64483 2.1 DC 55223 1.9 0
Alessandra Mussolini
Alternativa Sociale
59652 1.9 ALTER.SOC.MUSSOLINI 33562 1.2 0

A questo punto proviamo a spostare le pedine della nostra scacchiera politica, a fare un po’ di copia e incolla, ovvero proviamo a spostare Alternativa Sociale, Democrazia Cristiana, i due partiti repubblicani, quello federalista e l’UDEUR nella coalizione di centro destra. Vediamo cosa succede ai risultati elettorali:

Candidati e coalizioni Voti % Partiti Voti % Seggi Seggi Coal.
Italo Bocchino
Casa della libertà
1571154 51% FORZA ITALIA
AN
UDC
NUOVO PSI
PRI
PART.PENS.
MOV.IDEA SOC. RAUTI

UDEUR

REPUBBLICANI

DEMOCR.FEDERALISTA

REPUBBLICANI EUROPEI

DC

ALT. SOCIALE

343348
305152
193391
83491
25308
10272
2229

295418

40897

28119

25062

64483

59652

11.9
10.6
6.7
2.9
0.9
0.3
0.1

10.3

1.4

1.0

0.9

2.1

1.9

Antonio Bassolino
L’Unione
1507168 49% MARGHERITA
DS
SDI
RIF.COM.
VERDI
PDCI
ITALIA VAL. – CONS.
GOVERNO CIVICO
458566
439271
154255
118084
100193
76820
67727
15852
16.0
15.3
5.4
4.1
3.5
2.7
2.4
0.5

Ora immaginate di togliere a Bassolino un 2% a favore di due partiti extra-coalizione (Movimento 5 stelle e federazione della sinistra) arriviamo al risultato elettorale 51% per Bocchino e 47% per Bassolino. Infine considerate che molti esponenti della margherita anziché confluire nel PD sono andati verso il centro o il centrodestra (UDC, UDEUR e PDL) e si sono spostati nel centrodestra anche alcuni grandi politicanti (Cirino Pomicino, De Mita, …). Possiamo stimare la misura di questa migrazione attorno al 15-20% del partito della Margherita. La Margherita prese il 16% dei consensi, possiamo quindi immaginare che la migrazione si sia portata dietro un 3%.

Il risultato finale è:

Bocchino: 54%

Bassolino: 44%

Altri: 2%

Per ora le proiezioni delle regionali 2010 sono all’incirca in linea con questi dati. Cosa vuol dire?


San Nicola Varco

novembre 16, 2009

Ecco a voi un’enorme operazione congiunta che ha visto impiegati quasi 300 uomini nello sgombero della più grande comunità di schiavi d’Europa. In provincia di Salerno, un paio di giorni fa.

I telegiornali non ne parlano e la cosa non mi stupisce, ma mi fa incazzare lo stesso. Per questo ho ripreso in mano il blog dopo mesi di inattività. A San Nicola Varco (frazione di Eboli), fino ad un paio di giorni fa c’era la più grossa comunità di schiavi d’Europa. Raccoglievano ‘e pummarole. Per andare al mare, sin da quando son nato, son sempre passato da lì, e ho sempre visto centinaia di extracomunitari fare avanti e indietro sotto il sole, lavorare nei campi, faticare. Quasi un migliaio di schiavi. Vivevano ammassati in una struttura mai completata di proprietà della regione. Abitazioni in lamiera, roventi, con una sola fontanella per 800 persone. Costretti a bere in un canaletto per l’irrigazione e a lavorare anche 15 ore al giorno per una manciata di euro. Anche la IOM (Organizzazione Internazionale per la Migrazione) conosceva bene questa situazione e l’ha descritta più volte, in questi termini:

28 – 07 -2009 – Italia – Un team di IOM ha completato ieri una missione di 10 giorni di valutazione a San Nicola Varco, una città a circa un centinaio di chilometri a sud di Napoli, dove fino a un migliaio di immigrati irregolari vivono in strutture abbandonate, in mezzo a mucchi di spazzatura, senza acqua corrente o elettricità.
I migranti, tutti uomini giovani provenienti da Marocco, dipendenti senza un contratto di lavoro come lavoratori stagionali nel settore agricolo, dicono che esser sfruttati da datori di lavoro senza scrupoli che li pagano tra i 15 ei 25 euro al giorno per lavorare nelle serre e nei campi vicini.

Parlando a OIM, molti immigrati hanno detto di dover pagare i datori di lavoro 3 euro per servizi come l’acqua e ogni volta che vanno dall’accampamento ai campi, dove si fatica dalle 4:30 fino alle 4:00.

“Il nostro team ha scoperto che gran parte dei migranti sono caduti vittima di una frode”, afferma Peter Schatzer dell’OIM. “Tutti sono venuti in Italia attraverso il sistema delle quote stagionali stabilito ogni anno dal governo italiano. Hanno pagato una tassa di un agente canaglia nel loro paese di origine e di un datore di lavoro italiano, che ha promesso di dar loro un lavoro regolare. Una volta in Italia, i migranti trovato che il loro datore di lavoro era scomparso o semplicemente rifiutato di li occupano. Senza un permesso di lavoro legale, molti cadde in sfruttamento.

Del lavoro illegale, in particolare nel settore agricolo è un fenomeno molto diffuso in Italia, con le statistiche ufficiali mostrano che rappresenta tra il 15,9 per cento e 17,6 per cento del PIL del paese, il prodotto interno.

Ora qualcosa si è mosso. Purtroppo non in bene. Qualcuno ha deciso di voler costruire in quella zona l’outlet Cilento Village. Vi consiglio di leggere l’ottimo articoletto di FreeCampania che riassume i (probabili) rapporti tra questo outlet e la camorra.

La regione aveva stanziato un fracco di soldi per affrontare il problema San Nicola Varco. Aveva annunciato l’acquisto di prefabbricati per migliorare le condizioni di vita dei poveracci che vivevan lì (almeno un letto e un po’ d’acqua gliela vogliamo dare?), eppure è arrivato lo sgombero! Ora la regione, e non solo, ci deve delle risposte! Anche Rosania (l’ex sindaco di Eboli, predecessore di Melchionda e uomo di sinistra) si scaglia contro quest’operazione poco chiara.

Su internet ho trovato poche notizie, e quasi tutte provenienti da piccoli siti anticapitalisti e roba così.

Ecco un secondo video sullo sgombero.

Mi sembra tutto così assurdo…


Quann ‘o Vesuvio

agosto 12, 2009

forse mi son perso qualche parola, e ho sbagliato a trascrivere qualcosa. correggetemi.

Zianemo a Miseno
Cummannava flotte e liggioni
chillu juorno ca mammena
avvistaje nu nuvolone
gruosso comm’è ‘a muntagna
comme ‘a n’albero e pino
s’allargava cu ‘e ranfe
‘o mare nu giardino
Nu bagno ‘e sole e nato ‘e acqua fredda
rateme ‘e sandale voglio ascì
ma che succere? faciteme capì!
Appriparateme na libburda
chesta è ‘a lettera ‘e n’amico
pe chi sta ‘e casa là
‘a nave, l’unica via

Nuvola janca,nuvola sporca
nuvola ‘e terre ca nun bussa ‘a porta,
nuvola ‘e prete, nuvola ‘e fuoco,
nuvola ‘e cenere, nuvola storta.

E l’aspettajeno a braccia aperte
comme ‘o viento pe partì
e s’assettajeno a tavola
sotta a chell’ira ‘e Dio
doppo magnato e vippeto
ncape ‘e cuscine ncoppe ‘e mane
du cielo uno e tutto
terra ca tremma a mare
e pò l’addore d’o zolfo
te dice ‘o ffuoco c’arriva
e chiano ‘o respiro l’vene a mancà ‘a vita,
‘ncoppo a nu panno stiso,
nu sursu ‘e luna stracqua,
s’addurmette pe sempe, accarezzann l’acqua.

Nvuola janca, nuvola sporca,
nuvola ‘e terra ca nun bussa ‘a porta,
nuvola ‘e prete, nuvola ‘e fuoco,
nuvola ‘e cenere, nuvola storta.

Da’a lettera ‘e Plinio ‘o Giovane, parlanno a Tacito do’o Zio
Ercolano, Pumpei… O Vesuvio quanno ascette a impazzì

Nuvola janca,nuvola sporca
nuvola ‘e terre ca nun bussa ‘a porta,
nuvola ‘e prete, nuvola ‘e fuoco,
nuvola ‘e cenere, nuvola storta.

Leggi il seguito di questo post »


Don Salvatò

agosto 5, 2009

Don Salvatò ca nce guardate ra coppa
sicuramente risultammo ridicole
cu tutte chisti veli annanze all’uocchie
nuje figli e chesta terra, e chesta vita
nuje ca parlamme troppe spisso, pure senza essere interrogati
nuje ca mo nu guaje mo na disgrazia, pare ca nce simmo abituati
Don Salvatò gli alberi chiagneno, i frutti se sò nfracidati
Veleno fummo e cielo grigio, quanno a mana vosta nun è arrivata
e po’ a paura accanno a nuje, miezzo i deserti ‘ra miseria
carogne puorc’, sang’ cruro, e mane sporche, a famm’ e a sete
Don Salvatò a che nce serve, tutta chesta educazione
si po’ ogne scarpa se fa vecchia
e si nun more è nu scarpone
e si vaje co core nisciuno t’aiuta
riesti sulo schiavo ru pudore ca
te fà fesso e cuntento
e po’ na spina rinto o core
Don Salvatore
Don Salvatore

Don Salvatore che nce ne facimme?
Ro credere ra speranza e re l’opere bone
Se poje o destino o decidite vuje
e nuje nun avimme maje ragione
e popolo arabo o popolo balcanico
tiempo moderno o tiempo antico
Don Salvatò nu poco e pacienza
si nuje ancora niente avimmo capito
Don Salvatò sotto a tavola vosta
na tozzola e pane quanno care
nu surse e vino ru figlio vuosto
sang’ e chiuove miezzo e mane
e si vaje co core nisciuno t’aiuta
riesti solo schiavo ru pudore ca
te fà fesso e cuntento
e po’ na spina rinto o core
Don Salvatore
Don Salvatore


Un posto al sole

luglio 22, 2009

No, non vi sto per raccontare le vicende amorose televisive di questa soap opera italiana. Voglio parlare della sigla.

La sigla è cantata a quanto pare dalla bravissima Monica Sarnelli (non so quali versioni della sigla, ce ne sono tantissime nell’internet).

E chi è Monica Sarnelli?

Chi è Monica Sarnelli? Sì vabbè è la figlia del grande Egisto Sarnelli ma ragazzi, Monica Sarnelli è anche sorella di Antonio Sarnelli, in arte…

Tony Tammaro!!!!

A proposito di musica classica napoletana, vi consiglio il seguente video, nel quale si spiega come il Sarnelli sia diventato Tammaro e propone una sua magnifica interpretazione de “La Pansé” al Premio Carosone. Una grandissima interpretazione, a mio parere.


Passianne pe Tuleto

luglio 13, 2009

Cronaca di una camminata in una città che non conoscevo.

Leggi il seguito di questo post »