Quann ‘o Vesuvio

agosto 12, 2009

forse mi son perso qualche parola, e ho sbagliato a trascrivere qualcosa. correggetemi.

Zianemo a Miseno
Cummannava flotte e liggioni
chillu juorno ca mammena
avvistaje nu nuvolone
gruosso comm’è ‘a muntagna
comme ‘a n’albero e pino
s’allargava cu ‘e ranfe
‘o mare nu giardino
Nu bagno ‘e sole e nato ‘e acqua fredda
rateme ‘e sandale voglio ascì
ma che succere? faciteme capì!
Appriparateme na libburda
chesta è ‘a lettera ‘e n’amico
pe chi sta ‘e casa là
‘a nave, l’unica via

Nuvola janca,nuvola sporca
nuvola ‘e terre ca nun bussa ‘a porta,
nuvola ‘e prete, nuvola ‘e fuoco,
nuvola ‘e cenere, nuvola storta.

E l’aspettajeno a braccia aperte
comme ‘o viento pe partì
e s’assettajeno a tavola
sotta a chell’ira ‘e Dio
doppo magnato e vippeto
ncape ‘e cuscine ncoppe ‘e mane
du cielo uno e tutto
terra ca tremma a mare
e pò l’addore d’o zolfo
te dice ‘o ffuoco c’arriva
e chiano ‘o respiro l’vene a mancà ‘a vita,
‘ncoppo a nu panno stiso,
nu sursu ‘e luna stracqua,
s’addurmette pe sempe, accarezzann l’acqua.

Nvuola janca, nuvola sporca,
nuvola ‘e terra ca nun bussa ‘a porta,
nuvola ‘e prete, nuvola ‘e fuoco,
nuvola ‘e cenere, nuvola storta.

Da’a lettera ‘e Plinio ‘o Giovane, parlanno a Tacito do’o Zio
Ercolano, Pumpei… O Vesuvio quanno ascette a impazzì

Nuvola janca,nuvola sporca
nuvola ‘e terre ca nun bussa ‘a porta,
nuvola ‘e prete, nuvola ‘e fuoco,
nuvola ‘e cenere, nuvola storta.

Leggi il seguito di questo post »

Annunci

Don Salvatò

agosto 5, 2009

Don Salvatò ca nce guardate ra coppa
sicuramente risultammo ridicole
cu tutte chisti veli annanze all’uocchie
nuje figli e chesta terra, e chesta vita
nuje ca parlamme troppe spisso, pure senza essere interrogati
nuje ca mo nu guaje mo na disgrazia, pare ca nce simmo abituati
Don Salvatò gli alberi chiagneno, i frutti se sò nfracidati
Veleno fummo e cielo grigio, quanno a mana vosta nun è arrivata
e po’ a paura accanno a nuje, miezzo i deserti ‘ra miseria
carogne puorc’, sang’ cruro, e mane sporche, a famm’ e a sete
Don Salvatò a che nce serve, tutta chesta educazione
si po’ ogne scarpa se fa vecchia
e si nun more è nu scarpone
e si vaje co core nisciuno t’aiuta
riesti sulo schiavo ru pudore ca
te fà fesso e cuntento
e po’ na spina rinto o core
Don Salvatore
Don Salvatore

Don Salvatore che nce ne facimme?
Ro credere ra speranza e re l’opere bone
Se poje o destino o decidite vuje
e nuje nun avimme maje ragione
e popolo arabo o popolo balcanico
tiempo moderno o tiempo antico
Don Salvatò nu poco e pacienza
si nuje ancora niente avimmo capito
Don Salvatò sotto a tavola vosta
na tozzola e pane quanno care
nu surse e vino ru figlio vuosto
sang’ e chiuove miezzo e mane
e si vaje co core nisciuno t’aiuta
riesti solo schiavo ru pudore ca
te fà fesso e cuntento
e po’ na spina rinto o core
Don Salvatore
Don Salvatore


Tutt’eguale song ‘e criature

giugno 28, 2009

Leggi il seguito di questo post »