Don Salvatò

agosto 5, 2009

Don Salvatò ca nce guardate ra coppa
sicuramente risultammo ridicole
cu tutte chisti veli annanze all’uocchie
nuje figli e chesta terra, e chesta vita
nuje ca parlamme troppe spisso, pure senza essere interrogati
nuje ca mo nu guaje mo na disgrazia, pare ca nce simmo abituati
Don Salvatò gli alberi chiagneno, i frutti se sò nfracidati
Veleno fummo e cielo grigio, quanno a mana vosta nun è arrivata
e po’ a paura accanno a nuje, miezzo i deserti ‘ra miseria
carogne puorc’, sang’ cruro, e mane sporche, a famm’ e a sete
Don Salvatò a che nce serve, tutta chesta educazione
si po’ ogne scarpa se fa vecchia
e si nun more è nu scarpone
e si vaje co core nisciuno t’aiuta
riesti sulo schiavo ru pudore ca
te fà fesso e cuntento
e po’ na spina rinto o core
Don Salvatore
Don Salvatore

Don Salvatore che nce ne facimme?
Ro credere ra speranza e re l’opere bone
Se poje o destino o decidite vuje
e nuje nun avimme maje ragione
e popolo arabo o popolo balcanico
tiempo moderno o tiempo antico
Don Salvatò nu poco e pacienza
si nuje ancora niente avimmo capito
Don Salvatò sotto a tavola vosta
na tozzola e pane quanno care
nu surse e vino ru figlio vuosto
sang’ e chiuove miezzo e mane
e si vaje co core nisciuno t’aiuta
riesti solo schiavo ru pudore ca
te fà fesso e cuntento
e po’ na spina rinto o core
Don Salvatore
Don Salvatore

Annunci