Quann ‘o Vesuvio

agosto 12, 2009

forse mi son perso qualche parola, e ho sbagliato a trascrivere qualcosa. correggetemi.

Zianemo a Miseno
Cummannava flotte e liggioni
chillu juorno ca mammena
avvistaje nu nuvolone
gruosso comm’è ‘a muntagna
comme ‘a n’albero e pino
s’allargava cu ‘e ranfe
‘o mare nu giardino
Nu bagno ‘e sole e nato ‘e acqua fredda
rateme ‘e sandale voglio ascì
ma che succere? faciteme capì!
Appriparateme na libburda
chesta è ‘a lettera ‘e n’amico
pe chi sta ‘e casa là
‘a nave, l’unica via

Nuvola janca,nuvola sporca
nuvola ‘e terre ca nun bussa ‘a porta,
nuvola ‘e prete, nuvola ‘e fuoco,
nuvola ‘e cenere, nuvola storta.

E l’aspettajeno a braccia aperte
comme ‘o viento pe partì
e s’assettajeno a tavola
sotta a chell’ira ‘e Dio
doppo magnato e vippeto
ncape ‘e cuscine ncoppe ‘e mane
du cielo uno e tutto
terra ca tremma a mare
e pò l’addore d’o zolfo
te dice ‘o ffuoco c’arriva
e chiano ‘o respiro l’vene a mancà ‘a vita,
‘ncoppo a nu panno stiso,
nu sursu ‘e luna stracqua,
s’addurmette pe sempe, accarezzann l’acqua.

Nvuola janca, nuvola sporca,
nuvola ‘e terra ca nun bussa ‘a porta,
nuvola ‘e prete, nuvola ‘e fuoco,
nuvola ‘e cenere, nuvola storta.

Da’a lettera ‘e Plinio ‘o Giovane, parlanno a Tacito do’o Zio
Ercolano, Pumpei… O Vesuvio quanno ascette a impazzì

Nuvola janca,nuvola sporca
nuvola ‘e terre ca nun bussa ‘a porta,
nuvola ‘e prete, nuvola ‘e fuoco,
nuvola ‘e cenere, nuvola storta.

Leggi il seguito di questo post »

Annunci

Partenope è più bella di Venere

giugno 23, 2008

Bellissima canzone rap napoletana. Vi progongo il video e il testo in lingua originale, in italiano e in english, because also stranger must know this beautiful song. Infine c’è un breve azzardo frangese, ma io il francese non lo so.

Chi era Partenope? Ora riassumo una delle leggende (in futuro farò un articolo apposta più dettagliato). Partenope era la più bella delle sirene. Poteva competere in bellezza con Venere. Per intenderci era una di quelle che attiravano contro gli scogli i marinai grazie al loro bellissimo canto. Un giorno Ulisse passò davanti alle sirene senza venirne ammaliato (in realtà era legato ad un palo). Partenope, innamoratasi del valente eroe e delusa nel vederlo allontanarsi, si buttò a mare e si lasciò portare alla deriva dalle acque fino a morire. Il suo corpo fu trascinato sulla costa. Nel luogo della sua morte venne edificata una città, simbolo di bellezza, amore e musica: Napoli.

Vi consiglio di continuare la lettura e leggere almeno la versione in italiano di ODISSEA, perchè è proprio un bellissimo testo.

Leggi il seguito di questo post »


Francesco De Gregori, Per brevità chiamato Artista, parte 2

maggio 26, 2008

Nel primo post dedicato al nuovo album di De Gregori, ho proposto il bellissimo testo di “finestre rotte”, e il link al sito per vedere il video. Ora vi propongo le parole dell’altro singolo, quello che dà il titolo all’album.

Per brevità chiamato artista
Tutta una vita ad arrampicare
Come una scimmia sulla schiena di qualcuno
Come un uccello sul filo o un ubriaco per le scale
Che quando cade sa cadere e non si fa male
O non lo fa vedere
Doppio come una medaglia se fosse d’oro sarebbe cartone
Il cieco con la voce buona e il muto che ci vede bene
Invitami stasera a cena e arriveremo insieme
Per brevità chiamato artista
Tutta una vita a girare intorno
Come uno stupido o un ballerino
Ultimo illuminista o cattolico di ritorno
Che insegue il mattino alla luce del giorno
E dice pane al pane e al vino
Doppio come l’ innocenza se fosse Abele sarebbe Caino
Antidoto senza veleno e alibi senza assassino
Perdonami se sto lontano e cercami vicino
Per brevità chiamato artista
Come un gatto dentro a un canile
Come un ladro tra i truffatori
Principe da palcoscenico e vittima d’aprile
Che calcola i cani che macina i cuori
E dà la buonanotte ai fiori
Doppio come un doppio gioco se dice oggi intendeva domani
Lo zoppo che cammina dritto e il pittore senza mani
Invitaci stasera a cena basta che mi chiami.

CURIOSITA’: Cosa significa il titolo? “Per brevità chiamato artista” è la formula con la quale viene definito il cantante del proprio contratto discografico. E’ De Gregori stesso a spiegarlo durante i concerti. L’avrà fatto per evitare l’ondata di “BELLA MA NON VUOL DIRE NIENTE“, che già lo investì con Alice? (La cosa gli diede parecchio fastidio, tanto da indurlo a scrivere in risposta a questi commenti un altro brano intitolato “Niente da capire”).