San Nicola Varco

novembre 16, 2009

Ecco a voi un’enorme operazione congiunta che ha visto impiegati quasi 300 uomini nello sgombero della più grande comunità di schiavi d’Europa. In provincia di Salerno, un paio di giorni fa.

I telegiornali non ne parlano e la cosa non mi stupisce, ma mi fa incazzare lo stesso. Per questo ho ripreso in mano il blog dopo mesi di inattività. A San Nicola Varco (frazione di Eboli), fino ad un paio di giorni fa c’era la più grossa comunità di schiavi d’Europa. Raccoglievano ‘e pummarole. Per andare al mare, sin da quando son nato, son sempre passato da lì, e ho sempre visto centinaia di extracomunitari fare avanti e indietro sotto il sole, lavorare nei campi, faticare. Quasi un migliaio di schiavi. Vivevano ammassati in una struttura mai completata di proprietà della regione. Abitazioni in lamiera, roventi, con una sola fontanella per 800 persone. Costretti a bere in un canaletto per l’irrigazione e a lavorare anche 15 ore al giorno per una manciata di euro. Anche la IOM (Organizzazione Internazionale per la Migrazione) conosceva bene questa situazione e l’ha descritta più volte, in questi termini:

28 – 07 -2009 – Italia – Un team di IOM ha completato ieri una missione di 10 giorni di valutazione a San Nicola Varco, una città a circa un centinaio di chilometri a sud di Napoli, dove fino a un migliaio di immigrati irregolari vivono in strutture abbandonate, in mezzo a mucchi di spazzatura, senza acqua corrente o elettricità.
I migranti, tutti uomini giovani provenienti da Marocco, dipendenti senza un contratto di lavoro come lavoratori stagionali nel settore agricolo, dicono che esser sfruttati da datori di lavoro senza scrupoli che li pagano tra i 15 ei 25 euro al giorno per lavorare nelle serre e nei campi vicini.

Parlando a OIM, molti immigrati hanno detto di dover pagare i datori di lavoro 3 euro per servizi come l’acqua e ogni volta che vanno dall’accampamento ai campi, dove si fatica dalle 4:30 fino alle 4:00.

“Il nostro team ha scoperto che gran parte dei migranti sono caduti vittima di una frode”, afferma Peter Schatzer dell’OIM. “Tutti sono venuti in Italia attraverso il sistema delle quote stagionali stabilito ogni anno dal governo italiano. Hanno pagato una tassa di un agente canaglia nel loro paese di origine e di un datore di lavoro italiano, che ha promesso di dar loro un lavoro regolare. Una volta in Italia, i migranti trovato che il loro datore di lavoro era scomparso o semplicemente rifiutato di li occupano. Senza un permesso di lavoro legale, molti cadde in sfruttamento.

Del lavoro illegale, in particolare nel settore agricolo è un fenomeno molto diffuso in Italia, con le statistiche ufficiali mostrano che rappresenta tra il 15,9 per cento e 17,6 per cento del PIL del paese, il prodotto interno.

Ora qualcosa si è mosso. Purtroppo non in bene. Qualcuno ha deciso di voler costruire in quella zona l’outlet Cilento Village. Vi consiglio di leggere l’ottimo articoletto di FreeCampania che riassume i (probabili) rapporti tra questo outlet e la camorra.

La regione aveva stanziato un fracco di soldi per affrontare il problema San Nicola Varco. Aveva annunciato l’acquisto di prefabbricati per migliorare le condizioni di vita dei poveracci che vivevan lì (almeno un letto e un po’ d’acqua gliela vogliamo dare?), eppure è arrivato lo sgombero! Ora la regione, e non solo, ci deve delle risposte! Anche Rosania (l’ex sindaco di Eboli, predecessore di Melchionda e uomo di sinistra) si scaglia contro quest’operazione poco chiara.

Su internet ho trovato poche notizie, e quasi tutte provenienti da piccoli siti anticapitalisti e roba così.

Ecco un secondo video sullo sgombero.

Mi sembra tutto così assurdo…


Quann ‘o Vesuvio

agosto 12, 2009

forse mi son perso qualche parola, e ho sbagliato a trascrivere qualcosa. correggetemi.

Zianemo a Miseno
Cummannava flotte e liggioni
chillu juorno ca mammena
avvistaje nu nuvolone
gruosso comm’è ‘a muntagna
comme ‘a n’albero e pino
s’allargava cu ‘e ranfe
‘o mare nu giardino
Nu bagno ‘e sole e nato ‘e acqua fredda
rateme ‘e sandale voglio ascì
ma che succere? faciteme capì!
Appriparateme na libburda
chesta è ‘a lettera ‘e n’amico
pe chi sta ‘e casa là
‘a nave, l’unica via

Nuvola janca,nuvola sporca
nuvola ‘e terre ca nun bussa ‘a porta,
nuvola ‘e prete, nuvola ‘e fuoco,
nuvola ‘e cenere, nuvola storta.

E l’aspettajeno a braccia aperte
comme ‘o viento pe partì
e s’assettajeno a tavola
sotta a chell’ira ‘e Dio
doppo magnato e vippeto
ncape ‘e cuscine ncoppe ‘e mane
du cielo uno e tutto
terra ca tremma a mare
e pò l’addore d’o zolfo
te dice ‘o ffuoco c’arriva
e chiano ‘o respiro l’vene a mancà ‘a vita,
‘ncoppo a nu panno stiso,
nu sursu ‘e luna stracqua,
s’addurmette pe sempe, accarezzann l’acqua.

Nvuola janca, nuvola sporca,
nuvola ‘e terra ca nun bussa ‘a porta,
nuvola ‘e prete, nuvola ‘e fuoco,
nuvola ‘e cenere, nuvola storta.

Da’a lettera ‘e Plinio ‘o Giovane, parlanno a Tacito do’o Zio
Ercolano, Pumpei… O Vesuvio quanno ascette a impazzì

Nuvola janca,nuvola sporca
nuvola ‘e terre ca nun bussa ‘a porta,
nuvola ‘e prete, nuvola ‘e fuoco,
nuvola ‘e cenere, nuvola storta.

Leggi il seguito di questo post »


Don Salvatò

agosto 5, 2009

Don Salvatò ca nce guardate ra coppa
sicuramente risultammo ridicole
cu tutte chisti veli annanze all’uocchie
nuje figli e chesta terra, e chesta vita
nuje ca parlamme troppe spisso, pure senza essere interrogati
nuje ca mo nu guaje mo na disgrazia, pare ca nce simmo abituati
Don Salvatò gli alberi chiagneno, i frutti se sò nfracidati
Veleno fummo e cielo grigio, quanno a mana vosta nun è arrivata
e po’ a paura accanno a nuje, miezzo i deserti ‘ra miseria
carogne puorc’, sang’ cruro, e mane sporche, a famm’ e a sete
Don Salvatò a che nce serve, tutta chesta educazione
si po’ ogne scarpa se fa vecchia
e si nun more è nu scarpone
e si vaje co core nisciuno t’aiuta
riesti sulo schiavo ru pudore ca
te fà fesso e cuntento
e po’ na spina rinto o core
Don Salvatore
Don Salvatore

Don Salvatore che nce ne facimme?
Ro credere ra speranza e re l’opere bone
Se poje o destino o decidite vuje
e nuje nun avimme maje ragione
e popolo arabo o popolo balcanico
tiempo moderno o tiempo antico
Don Salvatò nu poco e pacienza
si nuje ancora niente avimmo capito
Don Salvatò sotto a tavola vosta
na tozzola e pane quanno care
nu surse e vino ru figlio vuosto
sang’ e chiuove miezzo e mane
e si vaje co core nisciuno t’aiuta
riesti solo schiavo ru pudore ca
te fà fesso e cuntento
e po’ na spina rinto o core
Don Salvatore
Don Salvatore


Passianne pe Tuleto

luglio 13, 2009

Cronaca di una camminata in una città che non conoscevo.

Leggi il seguito di questo post »


Little Maradona

luglio 1, 2009

Roberto Merino è fortissimo, ragazzi!

Quando l’ho visto in Salernitana-Albinoleffe (ma anche ad esempio Salernitana-Avellino) son rimasto senza parole!

La stampa di tutto il mondo ne parla, lo vogliono la Fiorentina, il Galatasaray, il Manchester City, il Napoli. Lo chiamano Little Maradona, il Maradona delle Ande, lo so è esagerato… ma è forte.

Ecco due delle varie fonti:

goal.com (in inglese)

transfermarkt.de (in tedesco)

Ed ecco la partita che ha ri-svelato il suo talento ai Salernitani:

L’unica via che ha la Salernitana per la Serie A passa per lui.

Io non sono un gran appassionato di calcio… ma questo post non potevo non farlo prima o poi.

Mo’ me ne torno un poco a Saliern’. A presto!


Tutt’eguale song ‘e criature

giugno 28, 2009

Leggi il seguito di questo post »


Federico Salvatore

gennaio 31, 2009

La conoscete questa canzone?
Bella canzone denuncia di Federico Salvatore. Osteggiata, censurata… la Bonaccorti, conduttrice del Festival nel quale fu presentata disse “mi dissocio”.
Bravo Federico, denuncia!
Bravo!
Bra…
Aspetta… ma la canzone non era così!
Manca qualcosa… un verso…
Fammela riascoltare…
Ehi! Ma manca una strofa,
proprio quella che inizia dicendo:

E per certi culi grossi il traguardo è la poltrona
E per noi poveri fessi basta solo un Maradona
E il miracolo richiesto di quel sangue rosso chiaro
Lo sa solo Gesù Cristo che quel sangue e’ sangue amaro

Che delusione…