Quann ‘o Vesuvio

agosto 12, 2009

forse mi son perso qualche parola, e ho sbagliato a trascrivere qualcosa. correggetemi.

Zianemo a Miseno
Cummannava flotte e liggioni
chillu juorno ca mammena
avvistaje nu nuvolone
gruosso comm’è ‘a muntagna
comme ‘a n’albero e pino
s’allargava cu ‘e ranfe
‘o mare nu giardino
Nu bagno ‘e sole e nato ‘e acqua fredda
rateme ‘e sandale voglio ascì
ma che succere? faciteme capì!
Appriparateme na libburda
chesta è ‘a lettera ‘e n’amico
pe chi sta ‘e casa là
‘a nave, l’unica via

Nuvola janca,nuvola sporca
nuvola ‘e terre ca nun bussa ‘a porta,
nuvola ‘e prete, nuvola ‘e fuoco,
nuvola ‘e cenere, nuvola storta.

E l’aspettajeno a braccia aperte
comme ‘o viento pe partì
e s’assettajeno a tavola
sotta a chell’ira ‘e Dio
doppo magnato e vippeto
ncape ‘e cuscine ncoppe ‘e mane
du cielo uno e tutto
terra ca tremma a mare
e pò l’addore d’o zolfo
te dice ‘o ffuoco c’arriva
e chiano ‘o respiro l’vene a mancà ‘a vita,
‘ncoppo a nu panno stiso,
nu sursu ‘e luna stracqua,
s’addurmette pe sempe, accarezzann l’acqua.

Nvuola janca, nuvola sporca,
nuvola ‘e terra ca nun bussa ‘a porta,
nuvola ‘e prete, nuvola ‘e fuoco,
nuvola ‘e cenere, nuvola storta.

Da’a lettera ‘e Plinio ‘o Giovane, parlanno a Tacito do’o Zio
Ercolano, Pumpei… O Vesuvio quanno ascette a impazzì

Nuvola janca,nuvola sporca
nuvola ‘e terre ca nun bussa ‘a porta,
nuvola ‘e prete, nuvola ‘e fuoco,
nuvola ‘e cenere, nuvola storta.

Leggi il seguito di questo post »


Tutt’eguale song ‘e criature

giugno 28, 2009

Leggi il seguito di questo post »


Federico Salvatore

gennaio 31, 2009

La conoscete questa canzone?
Bella canzone denuncia di Federico Salvatore. Osteggiata, censurata… la Bonaccorti, conduttrice del Festival nel quale fu presentata disse “mi dissocio”.
Bravo Federico, denuncia!
Bravo!
Bra…
Aspetta… ma la canzone non era così!
Manca qualcosa… un verso…
Fammela riascoltare…
Ehi! Ma manca una strofa,
proprio quella che inizia dicendo:

E per certi culi grossi il traguardo è la poltrona
E per noi poveri fessi basta solo un Maradona
E il miracolo richiesto di quel sangue rosso chiaro
Lo sa solo Gesù Cristo che quel sangue e’ sangue amaro

Che delusione…


Due mondi

novembre 4, 2008

Due mondi: amore e proprietà (Lucio Battisti)
[è una vela, è una vela la mia mente, prua verso l’altra gente, vento magica corrente, quanto amore!]

Leggi il seguito di questo post »


il cantautore col cappellino di lana

settembre 17, 2008
Ho visto gente senza tetto, polli senza petto
ministri senza portafoglio MAI
Ho visto un angelo in mutande, reggiseni vuoti
spiagge senza vetri mai
E cari amici adesso lo confesso
se potessi tutto rifarei
E non sarò un poeta ma anche se la vita fosse peggio
non mi stancherei

E’ morto Stefano Rosso. Mamma mia, non me l’aspettavo.

Via della Scala è sempre là
e io dal letto 26
malato di pazienza sto
e aspetto chi non torna più
è un ragazzino magro che
cantava sempre insieme a me
e morì un giorno che non so
e i suoi due sogni mi lasciò

Molti manco sanno chi è Rosso, e io non faccio come i TG che lo chiamano “quello dello spinello” per quella sua canzone, la più famosa. Ne ha scritte di cose molto più belle, come Bologna ’77, dedicata a Giorgiana Masi, uccisa durante una manifestazione dalle forze dell’ “ordine”.

Vi ripropongo di seguito due testi, Bologna ’77 appunto, e L’Italiano, brano portato a Sanremo. Se vi piacciono anche solo un po’ vi consiglio di procurarvi in qualche modo la sua musica, o di ascoltarla su youtube, tanto lui era comunista!

E il grano che nasce, e l’acqua che va
E’ un dono di tutti, padroni non ha

Leggi il seguito di questo post »


MCMXCIV perché i vivi non ricordano

agosto 14, 2008

Non canto per i vivi
no non canto per loro
‘ché di miserie e disgrazie
ne ho viste tante in giro
questa storia assurda non può tornare indietro
a pezzi li abbiam persi sui monti e nelle valli
nei fiumi e agli angoli agli angoli delle strade
agli angoli degli occhi agli angoli della bocca di
Garcia Lorca, morto invano
Camilo Torres, morto invano
Salvador Allende, morto invano
Víctor Jara, morto invano.

Montagne di cenci carne stracci
carta cuori unghie memorie
bruciati in fretta come nella camera
di scoppio di un motore
su una forca o con le fucilate
con la garrota o con la sedia elettrica
i vivi non ricordano lo sguardo
i vivi non ricordano lo sguardo
di Nicola Sacco, morto invano
Bartolomeo Vanzetti, morto invano
Giacomo Matteotti, morto invano
Giuseppe Pinelli, morto invano.

E più neri di prima sono ritornati
lo stesso cognome
Mussolini
usano un televisore come un cavallo di Troia
entrano nel futuro dei nostri figli
così come c’entrarono nel ‘920
per ricordarci che
per ricordarci che
un giorno
a Brescia sono, sono morti invano
a Ustica sono, sono morti invano
a Bologna sono, sono morti invano
a Marzabotto, sono morti invano
perché i vivi non ricordano.

Si è ammutolito il mio strumento
quando ha capito che il popolo italiano
di mare, di cielo, di mare cielo e terra
deve saperlo che ci portano la guerra
guarda nei libri devi ricordarlo
ogni quanto tempo in Europa c’è un conflitto
dove madri padri figlie e figli
sono morti da dimenticare
perché i vivi non ricordano
perché i vivi non ricordano gli occhi dei
fratelli Cervi, morti invano
Lauro Farioli, morto invano
Marino Serri, morto invano
Giovanni Ardizzone, morto invano.

Sole, vento che rincorri i continenti
tu che accarezzi il viso delle genti
raccogline tutta la memoria
e fanne un solco nella terra
perché col grano e con il pane
cresca anche il ricordo degli occhi
e del cuore di
Franco Serantini, hasta siempre
Claudio Miccoli, hasta siempre
Sotiris Petrulas, hasta siempre
Giorgiana Masi, hasta siempre
Giuseppe Palumbo, hasta siempre
Grigoris Lambrakis, hasta siempre
Turiddu Carnevali, hasta siempre
Gaetano Bresci, hasta siempre
Walter Rossi, hasta siempre
Jolanda Palladino, hasta siempre
Ines Versari, hasta siempre
Emiliano Zapata, hasta siempre
Pietro Greco detto Pedro, hasta siempre
Camillo Cienfuegos, hasta siempre
Stephen Biko, hasta siempre
Patrice Lumumba, hasta siempre
Rina Feruglio, hasta siempre
Ernesto “CHE” Guevara, hasta siempre
Gennarino Capuozzo, hasta siempre
Giovanni Passanante, hasta siempre
Jole de Cillia, hasta siempre
Duccio Galimberti, hasta siempre
Martin Luther King, hasta siempre
Malcom X, hasta siempre
Oscar Romero, hasta siempre


Canzoni “simili”

agosto 9, 2008

Hue in un suo post faceva notare una “somiglianza” tra la mitica siglia televisiva di Batman, una canzone di Beck, e Taxman dei Beatles (ecco il link).

Anche io ho dubbi di somiglianza tra varie canzoni… ditemi cosa ne pensate voi:

1980 – Stevie Wonder, la canzone si intitola Master Blaster. Ascoltatene almeno 10 secondi…

Mi ricorda qualcosa… e già: un anno prima, nel 1979, in Italia, Rino Gaetano pubblicava l’album Resta vile maschio, dove vai? contenente la canzone Ma se c’è Dio.

Che dire?

Secondo caso:

1988 – Desire degli U2

Potete ascoltarla qui.

Ma negli anni ’70 in Itali il nostro migliore rocker cantava Mangiafuoco: