Quann ‘o Vesuvio

agosto 12, 2009

forse mi son perso qualche parola, e ho sbagliato a trascrivere qualcosa. correggetemi.

Zianemo a Miseno
Cummannava flotte e liggioni
chillu juorno ca mammena
avvistaje nu nuvolone
gruosso comm’è ‘a muntagna
comme ‘a n’albero e pino
s’allargava cu ‘e ranfe
‘o mare nu giardino
Nu bagno ‘e sole e nato ‘e acqua fredda
rateme ‘e sandale voglio ascì
ma che succere? faciteme capì!
Appriparateme na libburda
chesta è ‘a lettera ‘e n’amico
pe chi sta ‘e casa là
‘a nave, l’unica via

Nuvola janca,nuvola sporca
nuvola ‘e terre ca nun bussa ‘a porta,
nuvola ‘e prete, nuvola ‘e fuoco,
nuvola ‘e cenere, nuvola storta.

E l’aspettajeno a braccia aperte
comme ‘o viento pe partì
e s’assettajeno a tavola
sotta a chell’ira ‘e Dio
doppo magnato e vippeto
ncape ‘e cuscine ncoppe ‘e mane
du cielo uno e tutto
terra ca tremma a mare
e pò l’addore d’o zolfo
te dice ‘o ffuoco c’arriva
e chiano ‘o respiro l’vene a mancà ‘a vita,
‘ncoppo a nu panno stiso,
nu sursu ‘e luna stracqua,
s’addurmette pe sempe, accarezzann l’acqua.

Nvuola janca, nuvola sporca,
nuvola ‘e terra ca nun bussa ‘a porta,
nuvola ‘e prete, nuvola ‘e fuoco,
nuvola ‘e cenere, nuvola storta.

Da’a lettera ‘e Plinio ‘o Giovane, parlanno a Tacito do’o Zio
Ercolano, Pumpei… O Vesuvio quanno ascette a impazzì

Nuvola janca,nuvola sporca
nuvola ‘e terre ca nun bussa ‘a porta,
nuvola ‘e prete, nuvola ‘e fuoco,
nuvola ‘e cenere, nuvola storta.

Leggi il seguito di questo post »


Vai mo’, va!

luglio 8, 2008

Io, che la sorella di una parlamentare del pdl da dietro al palco si metta a ciacianare e ci torturi con comunicati di Berlusconi e ripeta continuamente Napoli non è una carta sporca non lo sopporto.

Io, che la sorella di una parlamentare del pdl ci ripeta da dietro al palco Napoli è ad un bivio e pare abbia imboccato la strada giusta non lo sopporto.

Poi non sopporto neanche che mi abbiano interronto l’assolo di viento ‘e terra per mandare la pubblicità che ripete “bla bla bla bla”. E che non mi facciano sentire per intero manc’ nu piezz’ perchè Milly deve intervistare tutti quelli che le passano vicino…

Ora aspetto ‘O scarrafone per prendermi una piccola rivincita

QUESTA LEGA E’ UNA VERGOGNA

Quegli ingenui fischiano Gigi D’Alessio sul palco… NON SANNO COSA SUCCEDE DIETRO!


Partenope è più bella di Venere

giugno 23, 2008

Bellissima canzone rap napoletana. Vi progongo il video e il testo in lingua originale, in italiano e in english, because also stranger must know this beautiful song. Infine c’è un breve azzardo frangese, ma io il francese non lo so.

Chi era Partenope? Ora riassumo una delle leggende (in futuro farò un articolo apposta più dettagliato). Partenope era la più bella delle sirene. Poteva competere in bellezza con Venere. Per intenderci era una di quelle che attiravano contro gli scogli i marinai grazie al loro bellissimo canto. Un giorno Ulisse passò davanti alle sirene senza venirne ammaliato (in realtà era legato ad un palo). Partenope, innamoratasi del valente eroe e delusa nel vederlo allontanarsi, si buttò a mare e si lasciò portare alla deriva dalle acque fino a morire. Il suo corpo fu trascinato sulla costa. Nel luogo della sua morte venne edificata una città, simbolo di bellezza, amore e musica: Napoli.

Vi consiglio di continuare la lettura e leggere almeno la versione in italiano di ODISSEA, perchè è proprio un bellissimo testo.

Leggi il seguito di questo post »


Curnut’ e mazziat’

maggio 24, 2008

‘O ssacc’ ca vuje site e padrune e nuje simm’ sulamente ‘o popolo. ‘O sacc’. Ve ne fotte e nuje sul’ quann’ avimma vutà. A l’urdemamente avimma scigliuto nu padrone ca ce piglia pure p’fess’: ce piace a nce chiammà “‘o popolo ra libbertà”.
Comm’a ssempe, simm’ curnute e pur’ mazziat’!
Ah, ma si na vota c’arrecugliess’m, cient, mill ‘e nuje, ve facissemo verè! Nuje foss’m sempe curnut’, ma i mazziat’ fuss’v vuje!


A smorfia ‘e Troisi: Napule

maggio 10, 2008

Vorrei approfittare del fatto che questo sketch è trasmesso in eurovisione per mandare un saluto a tutti i lavoratori all’estero, e in particolar modo ai napoletani all’estero, visto che la smorfia è napoletana, e vorrei rassicurarli sulle condizioni di Napoli, chist’ stanno all’estero, nun sanno a Napoli come se sta, circolano tante voci “Napule è accussì…”, e invece no: stiamo benissimo. Vorrei dire a tutti i napoletani all’estero che stiamo bene. A napoli tutto, industrie, commercio, tutto florido, mai come a questa volta stiamo andando veramente ben… tutt…

E’ finita l’eurovisione? Stiamo tra di noi mo’?

Nuje a Napule stamm’ ‘nguajate, eh!
Quelli stanno all’estero , facciamoli lavorare tranquilli, ma è meglio che fra di noi se sanno chesti cose… stamm’ ‘nguajate…
Per esempio: vi pare mai possibile che nel 1977 a me mi tocca ancora andare al mercato nero? Non il mercato nero che ce stava al tempo di guerra, no: proprio al mercato nero, spuorco ‘nsomma, senza a me’ lavà! E’ il problema dell’acqua: uno dei tanti problemi ca ce sta a Napoli è stu fatt’ dell’acqua. Chissà chi è che è andato a dire in giro “Il napoletano non ce la fa più! Sta con l’acqua alla gola!”: immediatamente si sono pigliati l’acqua. Subito, la prima cosa che hanno pensato di fare per aiutarci! Però fa vedere che ci sta volontà e cosa di aiutarci e questo ci fa piacere. Poi loro dicono “Vabbè il fatto che non scende l’acqua è colpa degli acquedotti”, dicono “Gli acquedotti sono complicati, sono difficili da usare” e questo è vero. Figuratevi che a Napoli ci sta gente che con gli acquedotti invece di berci ci mangia! Non per cattiveria, proprio perchè non hanno capito il meccanismo… Però ci danno i consigli, si fanno sentire, questo è vero, per esempio hanno detto “Ci manca l’acqua siamo d’accordo, bevete l’acqua della salute, l’acqua minerale, quella vi riporta pure dieci anni indietro”. Che poi aggiunti a tutti gli anni indietro che ci hanno sempre tenuti loro, a napule si manca l’acqua natu par’ ‘e journe, turnamm’ nata vota tutt’quant’ criatur’. Ci si incontra a Napoli “Uèèè, uèèè!”. Che poi uno può dire che è buono il fatto di tornare bambini, ce ne veniamo tutti quanti a Napoli, risparmiamo sulle cure per ringiovanire, e invece no: a Napoli non conviene neppure a tornare bambini. No, perchè con la mortalità infantile che ci sta a Napoli sapete come diventa? Uno torna bambino, pigl’ e subito se more a Napule! I bambini subito muoiono. Uno è bambino, invece di dire “tiene tutta una vita davanti” tu dici “tiene tutta ‘na morte annanze”. Infatti negli ospedali, nelle case di maternità, non si domanda più “Dottore, è maschio o femmina?”, no si va e “Dottore, è maschio, è femmina o è virus?”. Figuratevi che la signore che abita nel palazzo mio ha parturito nu virus ‘e sei chili e ‘mmiezz! Appena l’ha visto ha fatto: “E’ bell u streptococc’ ‘e mamma!”. Che poi tra l’altro, la mortalità infantile a Napoli non è neppure ‘na calamità, un disastro, no, quello è un preciso piano di risanamento voluto dalla Cassa da morto per il Mezzogiorno. Cioè è tutto preventivato, loro in questo modo aiutano pure per il fatto della disoccupazione, dicono “Chist’ moron criatur’…”, e infatti la disoccupazione: la disoccupazione pure è un grave problema a Napoli che pure stanno cercando di risolvere, di venirci incontro. Stanno cercando di risolverlo con gli investimenti. Soltanto ca po’ a volontà ce l’hanno messa. però hanno visto che con un camion quanta disoccupat’ ponno ‘nvestì? Uno, duje, chilli so’ tante ‘e’lloro! Ca chilli hanno ragione “vuje site tropp’, nuje ve vulimm aiutà, ma…”. Effettivamente se in questo campo ci vogliono aiutare, vogliono venirci incontro, con una politica seria, devono fare camion più grossi. Comunque è arrivata una notizia positiva riguardo l’occupazione, il governo, che si fa sempre sentire, ha detto che presto il napoletano non dovrà più emigrare in Svizzera. Questa è una cosa buona… ma non il governo italiano: il governo svizzero l’ha detto. Ci sono questi piccoli problemi che noi viviamo quotidianamente; ah: il problema della casa. A Napule nun se trova cchiù casa. Comunque loro dicono “Vabbè, ce sta ‘u blocc ‘re fitti, però”, è ‘na parola. Il napoletano si è fissato che il blocco dei fitti è una malattia nuova. Chill’ va addò u proprietario, domanda ‘o prezz, appena sent’ u fitt rimane bloccato. Ci sta nu sacc ‘e gente ricoverata o ‘spitale pù u blocc’ re fitt, eh! E’ una cosa, io ho capito anche perchè ci hanno sempre chiamati mezzogiorno d’italia: per essere sicuri, loro, che a qualunque ora scendevano al Sud, si trovavano sempre in orario pe ce mangià ‘ra copp’. Quello è mezzogiorno, siamo in orario. E poi se escono “Il napoletano è simpatico, ride, abballa, tenen’ a museca rint’e vene!”. E per forza! Voi il sangue ce l’avite zucat’ tutt’ quant’!