Quann ‘o Vesuvio

agosto 12, 2009

forse mi son perso qualche parola, e ho sbagliato a trascrivere qualcosa. correggetemi.

Zianemo a Miseno
Cummannava flotte e liggioni
chillu juorno ca mammena
avvistaje nu nuvolone
gruosso comm’è ‘a muntagna
comme ‘a n’albero e pino
s’allargava cu ‘e ranfe
‘o mare nu giardino
Nu bagno ‘e sole e nato ‘e acqua fredda
rateme ‘e sandale voglio ascì
ma che succere? faciteme capì!
Appriparateme na libburda
chesta è ‘a lettera ‘e n’amico
pe chi sta ‘e casa là
‘a nave, l’unica via

Nuvola janca,nuvola sporca
nuvola ‘e terre ca nun bussa ‘a porta,
nuvola ‘e prete, nuvola ‘e fuoco,
nuvola ‘e cenere, nuvola storta.

E l’aspettajeno a braccia aperte
comme ‘o viento pe partì
e s’assettajeno a tavola
sotta a chell’ira ‘e Dio
doppo magnato e vippeto
ncape ‘e cuscine ncoppe ‘e mane
du cielo uno e tutto
terra ca tremma a mare
e pò l’addore d’o zolfo
te dice ‘o ffuoco c’arriva
e chiano ‘o respiro l’vene a mancà ‘a vita,
‘ncoppo a nu panno stiso,
nu sursu ‘e luna stracqua,
s’addurmette pe sempe, accarezzann l’acqua.

Nvuola janca, nuvola sporca,
nuvola ‘e terra ca nun bussa ‘a porta,
nuvola ‘e prete, nuvola ‘e fuoco,
nuvola ‘e cenere, nuvola storta.

Da’a lettera ‘e Plinio ‘o Giovane, parlanno a Tacito do’o Zio
Ercolano, Pumpei… O Vesuvio quanno ascette a impazzì

Nuvola janca,nuvola sporca
nuvola ‘e terre ca nun bussa ‘a porta,
nuvola ‘e prete, nuvola ‘e fuoco,
nuvola ‘e cenere, nuvola storta.

Leggi il seguito di questo post »

Annunci