Chi non salta?

Vediamo un po’ chi cacchio è questa Gelmini… andiamo su wikipedia

Laureata in Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Brescia e specializzata in diritto amministrativo, ha superato l’esame di Stato per la professione di avvocato presso la Corte d’Appello di Reggio Calabria nel 2002

Sta a voi immaginare perchè sia andata a Reggio Calabria a superare l’esame di Stato, anzi ce lo dice lo stesso wikipedia:

è stata criticata perché lei stessa si era trasferita per poter sostenere l’esame di abilitazione alla professione di avvocato nella città di Reggio Calabria, ove la percentuale degli ammessi sarebbe stata pari ad oltre il triplo rispetto a quella nella città di Brescia.

Lei si è difesa dicendo all’incirca che a Brescia contavano troppo le raccomandazioni… per questo è dovuta andare a Reggio Calabria (dove dunque si presume che venga premiato il merito?).

Dopo questo fatto ha ancora il coraggio di affermare nel Sud alcuni istituti abbassano la qualità dell’istruzione? Stattene al Nord tra i raccomandati allora!

Vabbè andiamo avanti:

Nel 1998 è stata prima degli eletti alle amministrative ricoprendo la carica di presidente del consiglio del comune di Desenzano del Garda fino al 2000, anno in cui fu sfiduciata per inoperosità.

A pperò! E proprio ora che è ministra doveva cominciare a fare ca..te? Non poteva rimanere inoperosa ancora per un po’? Non sarà mica che teme il vice-psiconano Brunetta?

Comunque… la Gelmini ha previsto un drastico calo del numero degli insegnanti, per tagliare gli sprechi. Peccato che poi, alla faccia del risparmio, e ricito wikipedia,

Nell’ottobre 2008 il ministro ha stanziato i fondi per l’acquisto di 10.000 lavagne interattive multimediali, collegabili a computer ed anche alla rete internet

Ma che cacchio se ne fa un bimbetto alle elementari della lavagna interattiva multimediale? Vabbè, in pratica per risparmiare sostituiamo l’insegnante con una specie di sapientino+? Poi ci vado alle elementari del mio paesello e voglio vedere se ste lavagne arrivano davvero!

In pillole alcune “innovazioni” della Gelmini:

ELEMENTARI

maestro unico, lavagne interattive multimediali, grembiule (sti cazzi che riforma!), voti anzichè giudizi (perchè i bambini sono troppo stupidi per capire i giudizi), educazione civica e stradale (nel caso in cui un bimbo di 7 anni e mezzo si ritrovi alla guida di un camion saprà di dover sempre dare precedenza a destra)

SCUOLE

reintroduzione del valore voto in condotta, che farà media (ma porca miseria, che deterrente è? Se un casinista prende un 7 in condotta, sto 7 alza la media, mica l’abbassa, sveglia!)

UNIVERSITA’

e chi ci ha capito niente?

L’unica cosa che ho capito è che se protestiamo ci manganellano.

Ci manda la polizia… l’ha detto!

BIBLIOGRAFIA

stampa, Gelmini avvocato in Calabria

wikipedia

3 risposte a Chi non salta?

  1. alvaraalto scrive:

    non fate caso al titolo del post… è una lunga storia… comunque un buon articolo può riscattare un brutto titolo

  2. keyr scrive:

    …….scusa,conto fino a 10 e poi commento,al momento riuscirei a digitare parolacce…..non intendo inquinare il tuo post!!!

  3. alvaraalto scrive:

    ANSA:
    “Mai detto né pensato che la Polizia debba entrare nelle scuole”. Ma non è un dietrofront, quello del premier, che anzi ancora una volta punta il dito contro i mezzi di informazione, rei di descrivere l’inesistente.

    anche io avrei descritto l’inesistente quindi? cioè il video che ho postato ieri non esiste…

    http://www.ansa.it/opencms/export/site/visualizza_fdg.html_791153106.html

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: