il cantautore col cappellino di lana

Ho visto gente senza tetto, polli senza petto
ministri senza portafoglio MAI
Ho visto un angelo in mutande, reggiseni vuoti
spiagge senza vetri mai
E cari amici adesso lo confesso
se potessi tutto rifarei
E non sarò un poeta ma anche se la vita fosse peggio
non mi stancherei

E’ morto Stefano Rosso. Mamma mia, non me l’aspettavo.

Via della Scala è sempre là
e io dal letto 26
malato di pazienza sto
e aspetto chi non torna più
è un ragazzino magro che
cantava sempre insieme a me
e morì un giorno che non so
e i suoi due sogni mi lasciò

Molti manco sanno chi è Rosso, e io non faccio come i TG che lo chiamano “quello dello spinello” per quella sua canzone, la più famosa. Ne ha scritte di cose molto più belle, come Bologna ’77, dedicata a Giorgiana Masi, uccisa durante una manifestazione dalle forze dell’ “ordine”.

Vi ripropongo di seguito due testi, Bologna ’77 appunto, e L’Italiano, brano portato a Sanremo. Se vi piacciono anche solo un po’ vi consiglio di procurarvi in qualche modo la sua musica, o di ascoltarla su youtube, tanto lui era comunista!

E il grano che nasce, e l’acqua che va
E’ un dono di tutti, padroni non ha

BOLOGNA ’77

L’inverno passava qualcuno di lì
Il nastro girava, suonava “Lilly”,
Girava il pallone, lo stadio impazzì
La voce tremava, l’inverno finì.

E poi primavera, e qualcosa cambiò
Qualcuno moriva, e su un ponte lasciò
Lasciò i suoi vent’anni e qualcosa di più
E dentro i miei panni, la rabbia che tu

Da sempre mi dai, parlando per me
Scavando nei pensieri miei,
Guardandomi poi dall’alto all’ingiù
E forse io valgo di più.

L’estate moriva, Bologna, tremò,
La dalia fioriva e la gente pensò
Dei tanti domani vestiti di jeans
Chiamandoli “strani”, ma non fu così

E quando m’incontri, se pensi di me
Tu sappi che il sole che splende per te
E il grano che nasce, e l’acqua che va
E’ un dono di tutti, padroni non ha

E il grano che nasce, e l’acqua che va
E’ un dono di tutti, padroni non ha.

L’ITALIANO

Vent’anni all’estero da minatore
oppure in galleria come editore
scudetti in mezzo, buon meridionale
se ammazzo in Africa son coloniale
se ammazzo austriaci son patriota
canto da sempre non conosco nota.

Piaccio alle nordiche, specie svedesi
cambio governo quasi ogni sei mesi
sono cattolico per adozione
e l’hobby invece è la rivoluzione
mio figlio un giorno sarà calciatore
per il momento è in terza dalle suore.

Ma cosa guardi, cosa c’è di strano?
Chi sono dici? Beh, sono italiano
son stato il solo a perdere la mano
sia col tedesco che l’americano
ma se mi chiedi chi fu Garibaldi
uno che nacque presto e morì tardi
ma cosa guardi, cosa c’è di strano?
Chi sono dici? Beh, sono italiano.

Siam tutti preti, navigatori
figli di ‘gnotta e grandi cantautori
mamma è una santa, le altre da bordello
se perde il Napoli faccio un macello
se trovo un portafogli perchè è vecchio
tv a colori e pane dentro al secchio
siam diplomatici, laici, estremisti
frutteti-asmatici e poi femministi
di calcio tecnici, d’amor maestri
figli di parroci in gite campestri
del cruciverba siamo i pensatori
quattro infermieri, centosei dottori.

Ma cosa guardi, cosa c’è di strano?
Chi sono dici? Beh, sono italiano
son stato il solo a perdere la mano
anzi, il pallone con il coreano
son stato il solo a vincere la guerra
sia con la Svizzera che l’Inghilterra
ma cosa guardi, cosa c’è di strano?
Chi sono dici? Beh, sono italiano.

Da vivo sono un po’ menefreghista
da morto invece son nazionalista
specie se ho nomina da deputato
da giornalista a volte pensionato
ma la domenica problemi grossi
segna Giordano, segna Paolo Rossi.

Ma cosa guardi, cosa c’è di strano?
Chi sono dici? Beh, sono italiano
son stato il primo a perdere la mano
sia col tedesco che l’americano
confesso, è vero, ma non è finita
prossima vittima è l’ora proibita
ma cosa guardi, cosa c’è di strano?
Chi sono dici? Beh, sono italiano!

Una risposta a il cantautore col cappellino di lana

  1. Massim. scrive:

    Era un grande. L’ho ricordato anch’io sul mio blog fotografico (http://photoblues.splinder.com)
    Ciao Alvar!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: